20/08/14

"Nelle foto non voglio visto" - Anàlisi de sa limba de sos giòvanos fata dae Màuro Maxia

"Totu su chi amus pensadu in custos 50 annos est isballiadu". Custu, in pagas paràulas, est su chi est iscritu in su primu capìtulu de su libru "Lingua e società in Sardegna" de Màuro Maxia.
Maxia, chi est istadu professore in sas universidades de Tàtari e de Casteddu e est un'istudiosu mannu de linguìstica e filologia, faghet un'anàlisi de sa situatzione linguìstica de sos pitzinnos (e giòvanos) sardos a dies de oe.
Chie creiat (ma pro ite, poi?) chi sos sardos esserent faeddadu s'italianu mègius chi non sos àteros at a fàghere bene a si lèghere custu capìtulu. At a bìdere chi no est gasi: sos pitzinnos sardos (màssimu sos pesados in italianu ebbia) tenent dificultade manna a distìnghere sas istruturas de su sardu dae sas de s'italianu. Sighint a nàrrere "L'importante è che ce ne sia, di lavoro", "Già te l'ho detto", "Nelle foto non voglio visto" cumbìnchidos chi lu sunt narende in italianu e s'ispantant cando sos continentales no los cumprendent (ma de su restu s'ischit, chi sos continentales "non ci sono buoni, a parlare l'italiano").
Maxia no la mandat a nàrrere: "Prima la scuola italianizzava dei bambini sardofoni che, per effetto di tale processo, divenivano bilingui, [...] ora si trova di fronte a bambini già italianizzati in famiglia. Perciò il suo compito è diventato più difficile, [perchè] i bambini hanno già appreso un italiano poverissimo e sgangherato ricco di sardismi".
Custa dificultade de distìnghere sas istruturas sardas dae sas istruturas italianas creat analfabetas "di ritorno" chi, mancari diplomados, tenent dificultade a cumprèndere s'italianu istandard e sighint a pensare chi sunt sos àteros chi non sunt bonos a lu faeddare.
Sos pitzinnos pesados in sardu, imbetzes, "capiscono benissimo l'italo-sardo in quanto conoscono le sue strutture che per la gran parte riflettono quelle del sardo".
Duncas sa pregunta chi faghimus est custa: ite profetu nd'ant tentu, sos giòvanos nostros, dae los àere privados de sa limba-mama (su sardu)? Como non sunt bonos a distìnghere una limba dae s'àtera e sighint a faeddare una limba ìbrida chi no est prus sardu ma no est mancu italianu.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.