29/04/14

Promissas

S'Assessore regionale a sa Cultura in sa cunferèntzia de presentada de Sa Die de sa Sardigna 2014 at fatu una promissa chi, si la mantenet, podet cambiare sas sortes de sa limba sarda.
Claudia Firino (Sel), difatis, at naradu chi "l'intenzione è dotarci di una norma per tutelare la scuola sarda e intervenire sull'insegnamento della lingua sarda. In questo settore c'è una potestà legislativa non sfruttata". E at agiuntu (giustamente) chi "problemi come il dimensionamento scolastico sarebbero stati già risolti", promitende "progettazione e programmazione" mancari b'apat unu "stallo dei finanziamenti".
Benit de nàrrere "Buca sua santa", si no esseret chi ischimus chi sa Corte Costitutzionale at impostu lìmites a sas Regiones, chi non podent legiferare in contu de istrutzione si no in intro de s'art. 4 de sa lege 482/1999.
Però una promissa est una promissa, e ogni promissa est dèpidu. Si s'Assessore l'at fata, at a agatare finas sa manera de la mantènnere. O a su nessi, nois l'isperamus.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.