18/04/14

"Colpi di scure e sensi di colpa" - Una recensione de Bolognesi a unu libru chi pistiddat

A pustis de unu mudìmene duradu carchi mese, Roberto Bolognesi torrat a iscrìere in su blog suo, e lu faghet cun paràulas de dòlima a pustis lèghidu su libru "Colpi di scure e sensi di colpa" de Fiorenzo Caterini (Carlo Delfino Editore, 2013).
Custu libru contat sa crònaca de comente sos padentes de Sardigna sunt istados ispogiados e derrutos, de comente sa Sardigna chi  connoschimus est sa pantasma de sa Sardigna de in antis de bènnere sos segantinos, e chi s'identidade chi amus connotu nois est un'identidade coloniale, mancu s'assimìgiu de su chi fiat sa terra nostra unu tempus e chi essit a campu finas in sas paràulas de Vincenzo Bacallar Sanna chi, a primos de su 1700, iscriiat chi in Sardigna "vi abbondano tutti i frutti della terra, in particolare cereali, vini, olive, arance e limoni, ma soprattutto vi è un'infinità di bestiame, specie bestie a corna, e quindi una quantità di formaggi, di lane, di pelli, di cui l'isola si serve per proprio uso e di cui fornisce anche una parte delle coste d'Italia. [...] Vi si cacciano animali d'ogni sorta. [...] E' così fertile nelle zone coltivate che non si trovano altrove frutti migliori di quelli prodotti dagli alberi e dalla terra di quest'isola, sia in qualità che in quantità. La natura delle acque che irrorano le campagne contribuisce a questa fertilità, poichè esse sono purissime. [...] Vi sono miniere d'oro, argento, ferro, piombo, zolfo." (V. Bacallar Sanna, La Sardaigne Paranymphe de la Paix, 1712-1714).
Duncas si podet cumprèndere sa dòlima de Bolognesi, e s'arrennegu suo contra a sos intelletuales sardos de cussu tempus (Grazia Deledda in primis), tzegos e mudos in dae in antis a unu secrestu epocale, a sa ruina de su mundu in ue viviant (su mundu de giajos nostros, chi nois no amus connotu e non nos podimus mancu immaginare).


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.