24/04/14

Casteddu si cheret bilìngue. Una proposta de delìbera de su Comune

Bator cussigeris de majoria de sa Comuna de Casteddu (Lobina, Murgia, Marongiu e Dore) ant presentadu una proposta de delìbera pro fissare unos cantos "indirizzi relativi alla definizione di un piano del Comune per la tutela e la rigenerazione della lingua sarda".
Custa proposta cheret "promuovere e sostenere iniziative pubbliche in cui il sardo è utilizzato come lingua esclusiva o prevalente" e "incentivare l'uso del sardo nelle attività di impresa".
Una parte de sa polìtica forsis s'est abbigende chi sa Sardigna no la podimus cumprèndere si non faeddamus sa limba sua, comente bene at naradu Enrico Lobina (su primu chi at firmadu su documentu).
Duncas paret chi Casteddu si siat movende, in contu de polìtica linguìstica. Tocat a bìdere si sa cosa at a agatare de acordu finas a sos àteros.
E tocat a bìdere si sa Regione nd'at a essire dae su letargu linguìsticu in ue si nch'est paralizada dae cando Pigliaru nch'est pigadu a sa Presidèntzia.
Leghe sa proposta de delìbera e s'artìculu de Vito Biolchini.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.